Logo dell'Istar

Istar - sito ufficiale

Sezioni principali del sito

Menu principale

Il Llibre de regiment

Franca Uccheddu
 

Nelle libere città medioevali vigeva la consuetudine di trascrivere in appositi registri i privilegi e gli ordinamenti cittadini, sia per facilitarne la lettura sia per tramandarne la memoria in caso di deterioramento degli originali.

Oristano non fa eccezione. Un inventario delle carte dell’Archivio Civico, redatto il 27 dicembre 1555, ci informa dell'acquisto di un “llibreblanch” di pergamena destinato alla trascrizione dei privilegi cittadini: fu così che nacque il Llibre de regiment, un prezioso manoscritto dove – a partire dal 1556 e fino al 1616 – furono trascritti, “ad perpetuam rei memoriam”, i più importanti privilegi che nel corso degli anni i sovrani spagnoli emanarono a favore della città e dei territori del marchesato di Oristano. I privilegi copiati nel Llibre furono complessivamente diciassette e abbracciano un arco di tempo che va dal 1479 al 1578; la loro trascrizione nel codice non segue però un ordine cronologico.

Il Llibre de regiment è oggi definito la “perla” della Sezione Antica dell’Archivio Comunale di Oristano e costituisce, indubbiamente, la prima pietra miliare nella storia di questo Comune. Non è un caso, infatti, se il più antico documento trascritto nel Llibre de regiment è il privilegio datato Saragozza 12 agosto 1479: un atto fondamentale che – a seguito della sconfitta nella battaglia di Macomer del 19 maggio 1478 – sancì l’unione perpetua di Oristano, dei territori dei tre Campidani e delle incontrade di Parte Ocier e di Parte Barigadu alla Corona di Spagna, e fissò le prime norme riguardanti il sistema di nomina degli ufficiali regi e di elezione delle cariche civiche, ricalcando forme di governo già introdotte dai sovrani iberici nelle altre città reali dell’Isola. A questo primo atto seguì, dopo tre giorni, il 15 agosto, un nuovo privilegio – il cosiddetto Privilegi de regiment, copiato anch'esso nel Llibre –che, pur confermando quanto stabilito nel provvedimento del 12 agosto, introduceva importanti novità, dettando precise norme che disponevano, per la prima volta nell’Isola, il ricorso al “regimensortissive de sach”, ovvero al sistema del sorteggio, per la nomina dei consiglieri e dei funzionari municipali. Oristano divenne così un Municipio, retto da un podestà nominato direttamente dal re.

Accanto a questi primi privilegi, fondamentali nella genesi del municipio oristanese, il Llibre conserva la memoria anche di molti altri documenti che consentono di ricostruire con dovizia di particolari un quadro non solo politico e amministrativo ma anche economico, sociale e culturale della città di Oristano in epoca spagnola; un quadro da cui emergono talvolta situazioni, consuetudini e questioni ancora oggi attuali e dibattute.

Tali ragioni ci inducono a riconoscere al Llibre de regiment l’indiscusso valore di testo basilare ed emblematico, quale testimonianza degli albori dell'antico Municipio di Oristano, nonché di preziosa e imprescindibile fonte storica.

Tracce bibliografiche

Il “Llibre de regiment” e le pergamene dell’Archivio comunale di Oristano (secc. XV-XVII), Franca Uccheddu (ed.), ISTAR, Oristano 1998.